Aumenta lo sforzo per acquistare o affittare casa nel 2023

  • 4 settimane ago
  • 0
Immobiliare gettyimages 1707838204 Aumenta lo sforzo per acquistare o affittare casa nel 2023


Secondo uno studio pubblicato da idealista, portale leader per lo sviluppo tecnologico in Italia, sulla base dei dati del quarto trimestre del 2023, la percentuale del reddito familiare necessaria per accedere a una casa è cresciuta nell’ultimo anno fino al 21,1% in caso di acquisto e fino al 25,8% in caso di affitto. La scarsità dell’offerta e il conseguente aumento dei prezzi è la ragione per cui lo sforzo per affittare ha raggiunto il massimo raccomandato dagli esperti con un aumento di quattro punti nell’ultimo anno. L’aumento del costo dei finanziamenti ha fatto sì che le famiglie oggi debbano destinare il 21,1% del proprio reddito all’acquisto (rispetto al 17,3% di dicembre 2022).

Sforzo per l’affitto

La percentuale di reddito che le famiglie devono destinare per accedere a una casa in affitto è cresciuta in 90 capoluoghi italiani, mentre sono 10 i capoluoghi in cui lo sforzo per affittare una casa con due camere da letto supera il 30% consigliato dagli esperti (il canone d’affitto non dovrebbe superare un terzo delle entrate familiari).

Firenze, Milano e Massa-Carrara sono quelli che richiedono la percentuale più alta di reddito familiare, rispettivamente con il 43,3%, 43,1% e 43%. Segue Venezia con il 40%, quindi Bolzano (39,9%), Napoli (37,8%), Como (37,7%), Roma (35,2%), Vicenza (34,8%) e Prato (31%). Al contrario, le meno onerose per le tasche degli utenti sono Enna e Vibo Valentia con l’11,9%.

A livello cittadino, Firenze evidenzia l’incremento maggiore del tasso di sforzo relativo all’affitto, con una differenza del 17,1% rispetto ad un anno fa. Anche Massa-Carrara (16,6%) e Vicenza (12,7%) hanno segnato incrementi a due cifre. Inoltre, altri 26 capoluoghi hanno mostrato aumenti del tasso di sforzo superiori alla media nazionale (3,3%), con variazioni comprese tra il 9% di Pesaro ed il 3,4% di Ferrara, Gorizia e Isernia.

Al contrario, 21 capoluoghi hanno visto diminuire lo sforzo necessario per la locazione rispetto a dicembre del 2022, con le riduzioni più significative nelle città siciliane di Enna (-2,4%), Messina (-2,1%) e Siracusa (-1,7%), poi a crescere fino a Rovigo e Belluno dove i livelli di richiesta sono rimasti stabili rispetto all’anno precedente.

La provincia di Milano, con una media dal 46,8% del reddito familiare da destinare all’affitto, è quella che richiede il maggiore sforzo alle famiglie. A seguire troviamo Bolzano (39,7%), Lucca (38,9%) e Ravenna (36,9%). Con tassi di sforzo superiori al 30% troviamo altre 11 province racchiuse in una forchetta che va dal 35,8% di Firenze al 30,3% di Brescia.

Anche nella provincia di Roma (30,8%) il tasso di sforzo supera quello consigliato dagli esperti, mentre Napoli registra un 28,5%. Al contrario, Biella (12,4%), Alessandria (13,6%) e Terni (13,7%) presentano i tassi di sforzo più bassi tra le province considerate.

Sforzo per l’acquisto

Nella maggior parte dei capoluoghi italiani, l’impegno richiesto per acquistare un’abitazione è inferiore rispetto a quello richiesto per l’affitto, con l’eccezione di 19 mercati dove sostanzialmente la rata del mutuo supera il canone mensile. La città che impone il maggior sforzo finanziario alle famiglie per l’acquisto di una nuova abitazione è Venezia (42,9%), seguita da Bolzano (42,7%), Milano (40,7%) e Rimini (36,8%) in cima alla classifica. Tra le prime dieci posizioni figurano anche altri grandi mercati come Napoli (34%), Firenze (31,3%) e Roma (30,3%).

In altri 29 capoluoghi la percentuale del tasso di sforzo registrata è superiore al dato nazionale del 21,1%. Questi valori variano dal 30% di Trento e Verbania al 21,2% di Brescia e Parma. Le variazioni sono meno significative per tutte le altre città, con valori compresi tra il 20,9% di Forlì, diminuendo gradualmente fino al 6,3% di Biella, il capoluogo con il tasso di sforzo per l’acquisto di un immobile meno impattante in Italia.

Per quanto riguarda la compravendita, tutti i mercati richiedono uno sforzo maggiore rispetto a un anno fa, eccetto Ragusa (-3,4%), Nuoro (-0,7%) e Gorizia (-0,1%). All’opposto, Venezia (8,8 punti percentuale in più) segna la crescita maggiore anno su anno; tra i principali capoluoghi Napoli segna un incremento di 8 punti percentuale, Firenze (6,8%), Milano (6,6%), Bari (5%) e Roma (4,8%). Palermo (3,2%) e Torino (2,6%) hanno registrato aumenti inferiori al 3,8%, che è l’incremento medio annuale nazionale.

Lo sforzo familiare per l’acquisto di una casa è cresciuto in tutte le province italiane monitorate dall’analisi di idealista, ad eccezione di Reggio Calabria (-0,1%) e Ragusa (0,4%), che sono rimaste pressocché invariate nel corso del 2023.

Bolzano, con il 46,8%, si posiziona come la provincia con il più elevato tasso di sforzo per l’acquisto di un’abitazione, seguita da Rimini (38,1%), Savona (36,7%) e Imperia (35,8%). I mercati provinciali più grandi come Napoli e Milano richiedono rispettivamente il 31,1% e il 30% del reddito familiare annuo per l’acquisto di un’abitazione, mentre a Roma è richiesto il 27%. Biella, con un tasso del 5,4%, si presenta come la provincia meno esigente per coloro che aspirano ad acquistare una casa.

Metodologia Il tasso di sforzo misura il peso della casa sul potere d’acquisto delle famiglie. Nel caso della compravendita: è la percentuale del reddito familiare netto annuo (ISTAT) destinato all’acquisto di un trilocale nella zona d’interesse identificata, con un mutuo di 30 anni, un tasso di interesse in linea con l’aggiornamento mensile dalla BCE e un contributo iniziale del 20%. Il calcolo viene effettuato utilizzando il prezzo mediano di zona dei trilocali, al quale viene scontato il margine di negoziazione.

Dal trimestre precedente è stata aggiornata la metodologia sul calcolo del mutuo, attualmente nel calcolo del tasso di sforzo viene utilizzato il tipo di ammortamento alla francese.



Fonte Idealista.it

Unisciti alla discussione

Confronta Strutture

Confronta
error: Il contenuto è protetto !!