Come la guerra tra Israele e Hamas può influenzare l'economia globale

  • 7 mesi ago
  • 0
Immobiliare dl u542797 014 1 Come la guerra tra Israele e Hamas può influenzare l'economia globale


La guerra scoppiata all’inizio di ottobre tra Israele e Hamas a causa della ormai secolare questione del possesso della striscia di Gaza potrebbe influenzare l’economia mondiale causando pressioni sul rischio geopolitico globale. S&P valuta l’impatto del conflitto sotto vari aspetti, descrivendo le possibili conseguenze che gli sviluppi della situazione potranno avere sulle attività produttive. Ecco quanto rilevano gli esperti della società di rating.

Gli effetti negativi nell’immediato dovrebbero limitarsi principalmente a Israele, Gaza, l’Egitto e la Giordania. Tuttavia, gli sviluppi recenti rappresentano una vera minaccia per la stabilità nell’intero Medio Oriente e si aggiungono alle già elevate preoccupazioni geopolitiche a livello globale. Attualmente, l’attenzione principale è focalizzata sulla risposta militare di Israele all’atrocità di Hamas, che deve essere attentamente calibrata sia per ridurre al minimo il numero di vittime civili a Gaza, sia per cercare di salvaguardare il grande numero di ostaggi israeliani.

Quali beni rifugio per salvare gli investimenti

L’ipotesi di base è che il conflitto probabilmente rimarrà circoscritto a Israele e Gaza, con limitati effetti su altri paesi. Le reazioni moderate nei tradizionali indicatori di stress finanziario sul mercato suggeriscono anche questa direzione. I beni rifugio, come il dollaro statunitense, sono leggermente aumentati di prezzo dall’attacco di Hamas a Israele il 7 ottobre, mentre l’oro è appena oltre il 4% più alto. Il greggio Brent, a $90,6 al barile, è del 7% superiore alla chiusura del 6 ottobre, sebbene, per mettere in prospettiva, sia ancora del 7% più basso rispetto a due settimane fa. Tuttavia, i prezzi del petrolio rimangono volatili e S&P si aspetta che le pressioni al rialzo perdurino mentre le tensioni nel Medio Oriente persistono e il rischio che l’Iran si coinvolga direttamente nel conflitto rimane.

Guerra Israele – Hamas e prezzo dei carburanti

Il prezzo del gas naturale sta subendo un impatto maggiore dalla guerra. In parte, la chiusura obbligatoria del governo israeliano della piattaforma offshore Tamar ha contribuito all’incremento di quasi il 30% nei prezzi del Title Transfer Facility (TTF) tornando ai livelli di marzo/aprile 2023, intorno a €49 per megawatt-ora. Ma per riferimento, solo il 35% della produzione attuale annua di 10 miliardi di metri cubi di Tamar può essere esportato in Egitto, quindi anche se l’Egitto dovesse tagliare le sue modeste ed erratiche esportazioni di gas naturale liquefatto (LNG) di quella quantità, rappresenterebbe solo l’1% dell’offerta annua dell’Europa (e meno dell’1% del mercato globale del LNG). Quindi, nel contesto più ampio, non è molto significativo.

Guerra e fiducia globale delle imprese

La guerra tra Israele e Hamas agisce come ulteriore freno sulla fiducia globale delle imprese e dei consumatori, già debole, mentre complica la situazione per le banche centrali delle economie avanzate nella loro lotta contro l’inflazione. La distruzione dell’economia di Israele sarà più rilevante, non ultimo a causa della rapida chiamata di 360.000 riservisti tra i 18 ei 40 anni, pari al 6,2% della popolazione in età lavorativa di 18-64 anni. Israele ha un’economia basata sui servizi, con il settore dei servizi informatici e delle informazioni come principale contributore alle esportazioni del paese, rappresentando il 5,6% del PIL nel 2021.

L’impatto su viaggi e turismo

Allo stesso tempo, il settore dei viaggi e del turismo potrebbe soffrire a causa delle preoccupazioni che il conflitto si estenderà ad altre regioni o che potrebbero verificarsi attacchi terroristici in altre grandi città. In particolare, data la vicinanza di Sharm el-Sheikh a Gaza, il settore turistico dell’Egitto potrebbe risentirne. Inoltre, le paure di ulteriori incidenti potrebbero frenare il movimento di ritorno in ufficio che molte aziende hanno sostenuto, dato che molti dipendenti possono lavorare da remoto, influendo così sull’attività economica nelle aree urbane.

Il rischio di escalation

Uno dei rischi principali è l’escalation nel caso in cui Hezbollah lanciasse un secondo fronte su larga scala nel Nord di Israele o nel caso in cui l’Iran si coinvolgesse direttamente. Questa crisi ha risvegliato una simpatia latente per la causa palestinese in molti paesi e comunità, che potrebbe manifestarsi in manifestazioni e proteste da parte di gruppi a sostegno dei palestinesi in tutto il mondo. C’è poca chiarezza su dove e come questa tensione potrebbe tradursi in violenze gravi, ma a seconda di come progredisce un’eventuale offensiva terrestre israeliana a Gaza, questi movimenti potrebbero crescere in tutto il mondo.

Al momento la probabilità di un’escalation diretta con il coinvolgimento dell’Iran sembra relativamente bassa. La ragione principale è che l’Iran ha già raggiunto il suo obiettivo principale, ovvero ostacolare il riavvicinamento tra Israele, l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti, che sembrava vicino ad essere concordato nei prossimi mesi ma ora è probabilmente rimandato di molti anni. Di conseguenza, l’Iran ha poco da guadagnare e molto da perdere se provoca un conflitto più ampio che potrebbe portare a ulteriori sanzioni e impegni militari, compresi potenzialmente con gli Stati Uniti.

Analogamente, la Russia potrebbe trarre vantaggio in modo indiretto da questa crisi. Il sostegno degli Stati Uniti agli aiuti esteri per l’Ucraina potrebbe essere ridimensionato mentre l’attenzione si concentra su Israele. Inoltre, sebbene la Russia abbia instaurato relazioni più strette con l’Iran, ha anche mantenuto tradizionalmente buoni rapporti con Israele, in parte perché molti israeliani hanno la doppia cittadinanza israelo-russa. Il rischio, naturalmente, è che la Russia diventi più propensa a mantenere il territorio ucraino occupato e a continuare a agire come un’influenza destabilizzante nella regione.

Rischio energetico

In caso di escalation, un rischio chiave sarebbe la potenziale scossa nell’approvvigionamento energetico. Se Hezbollah si coinvolgesse su larga scala, è probabile che aumenterebbero significativamente i premi di rischio e la volatilità nei mercati finanziari. Tuttavia, eventuali interruzioni potenziali nell’approvvigionamento di petrolio causate dalle sanzioni all’Iran e dal taglio delle esportazioni di petrolio iraniano, attualmente di circa 2 milioni di barili al giorno, potrebbero essere compensate dall’Arabia Saudita, dato che dispone di una capacità di produzione eccedente di circa 3 milioni di barili al giorno. Ma ciò non è certo, poiché l’Arabia Saudita desidera anche un prezzo del petrolio globale relativamente alto.

I rischi estremi per l’energia sono più legati alla possibilità che l’Iran ostacoli il transito attraverso lo Stretto di Hormuz, la rotta di approvvigionamento per circa il 30% del petrolio marittimo mondiale e un quinto delle forniture globali di gas naturale liquefatto (principalmente dal Qatar) in un mercato stretto. L’India (che importa la metà del suo gas naturale liquefatto solo dal Qatar) e altri mercati dell’Asia-Pacifico sarebbero fisicamente i più colpiti. Tuttavia, l’Europa riceve anche un quinto delle esportazioni del Qatar (circa il 5% del mercato europeo totale) e il suo equilibrio tra domanda e offerta è stato molto stretto dal momento della chiusura del Nordstream 1 nel settembre 2022.

Tuttavia, anche in assenza di uno shock significativo nell’approvvigionamento energetico, la evidente sensibilità dei prezzi dell’energia agli eventi recenti indica che alcune pressioni inflazionistiche potrebbero persistere durante l’inverno dell’emisfero settentrionale, specialmente se le interruzioni nell’approvvigionamento di gas naturale e LNG diventassero più diffuse in Europa.



Fonte Idealista.it

Unisciti alla discussione

Confronta Strutture

Confronta
error: Il contenuto è protetto !!