Come pulire la lavastoviglie: consigli pratici per una pulizia efficace e duratura

  • 12 mesi ago
  • 0
Immobiliare idealista lorenzo Come pulire la lavastoviglie: consigli pratici per una pulizia efficace e duratura


La pulizia della lavastoviglie può essere una sfida quando si desidera evitare l’uso di detergenti chimici costosi. Tuttavia, con alcuni semplici consigli, è possibile pulire l’elettrodomestico in modo efficace, rispettando l’ambiente e il budget. Inoltre, è possibile ottenere piatti brillanti e puliti, prolungando la vita del vostro apparecchio per molti lavaggi.

Come qualsiasi altro elettrodomestico, anche la lavapiatti richiede una manutenzione periodica adeguata, che include una pulizia accurata, per prevenire la formazione di odori sgradevoli e accumuli di sporco. Questo garantirà che ogni ciclo di lavaggio produca piatti e stoviglie splendenti e igienizzati.

Come si può pulire esternamente la lavastoviglie?

Mantenere pulita la lavastoviglie garantisce un ciclo di vita più lungo all’elettrodomestico. Iniziamo scoprendo come pulire in maniera efficace la parte esterna della lavastoviglie utilizzando prodotti domestici comuni. Bisogna sapere che se soluzioni naturali sono altrettanto efficaci dei costosi detergenti chimici disponibili in commercio e assicurano una pulizia adeguata.

Esattamente, come pulire la lavastoviglie esternamente? Per mantenere le superfici esterne pulite, è consigliabile rimuovere la polvere e successivamente pulire la zona incrostata con un panno inumidito di acqua tiepida e qualche goccia di aceto.

Nel caso in cui, la lavastoviglie non sia ad incasso, è importante controllare anche gli angoli e le parti laterali, in questo modo, si ostacola l’accumulo di polvere che potrebbe compromettere il corretto funzionamento dell’elettrodomestico.

Mentre, come si può pulire la lavastoviglie all’interno? Pulire la lavastoviglie con l’aceto è la soluzione ideale per coloro che non vogliono utilizzare detersivi.

Scopri il potere dell’aceto per una lavastoviglie impeccabile

L’aceto è un prodotto estremamente igienizzante grazie alle sue proprietà, e consente anche di pulire la lavastoviglie dal grasso. L’aceto di vino bianco può essere utilizzato per contrastare gli odori e sciogliere eventuali depositi di calcare.

Come pulire la lavastoviglie con l’aceto? È consigliabile applicare alcune gocce di aceto su un panno e strofinare delicatamente le aree interne della lavastoviglie dove si accumula il calcare. Lasciare agire per alcuni minuti prima di proseguire con la pulizia.

Mentre per una pulizia più approfondita, si può optare per un lavaggio a vuoto. Il procedimento in questo caso è molto semplice: bisogna versare circa un litro di aceto bianco sul fondo della lavastoviglie e avviare un ciclo completo. È consigliabile selezionare la temperatura più alta per massimizzare il potere igienizzante dell’aceto. Questo metodo è ideale per rendere la lavastoviglie più profumata e sicuramente consente una rimozione totale dei germi, del calcare e di ogni tipo di residuo.

Come pulire la lavastoviglie che puzza? Il limone per risolvere il problema

Per eliminare odori sgradevoli derivanti dalla lavastoviglie è consigliabile utilizzare oltre all’aceto, anche il bicarbonato, il limone e gli agrumi. Per rimuovere il grasso e sbarazzarsi dei cattivi odori, è possibile versare un bicchiere di succo di arancia senza semi nel cestello per ottenere ottimi risultati.

 Come alternativa, potrebbe essere considerata l’opzione di utilizzare una combinazione di agrumi e seguire lo stesso processo con un ciclo di lavaggio a vuoto ad alta temperatura. Inoltre, aggiungere qualche goccia di estratto di agrumi durante i normali lavaggi contribuirà a igienizzare i tuoi piatti.

I filtri della lavastoviglie devono essere regolarmente puliti per garantire una corretta manutenzione. Anche se può sembrare un’operazione noiosa, ne varrà la pena nel tempo. Sarebbe opportuno lavare periodicamente, almeno una volta a settimana, le guarnizioni e sciacquare il filtro sotto l’acqua corrente per liberare i fori.

In caso di ostruzioni persistenti, puoi utilizzare uno stuzzicadenti e qualche goccia di aceto su un panno. Seguendo questi consigli su come pulire la lavastoviglie, l’elettrodomestico avrà sempre il massimo delle prestazioni!

Pulizia della lavastoviglie al naturale: il segreto della nonna finalmente svelato

Sono sempre di più le persone che cercano soluzioni alternative all’uso di detersivi per la pulizia della lavastoviglie, ma come pulire la lavastoviglie in modo naturale? La soluzione è semplice, basta utilizzare:

  • 3 arance;
  • 400 ml di acqua;
  • 200 gr di bicarbonato di sodio;
  • 100 ml di aceto di mele.

Per preparare il composto è necessario frullare le arance tagliate a pezzi e prive dei semi, successivamente aggiungere un po’ d’acqua e bicarbonato di sodio fino a ottenere un composto fluido e abbastanza liquido.

Utilizza il bicarbonato per risultati sorprendenti

La pulizia della lavastoviglie con il bicarbonato è un’ottima opzione per un risultato efficace e anche per le stoviglie durante i normali cicli di lavaggio. Per iniziare, spargi una manciata di bicarbonato in polvere sul carico di stoviglie e avvia il ciclo di lavaggio abituale.

Se desideri pulire a fondo la lavastoviglie con il bicarbonato di sodio, basta aggiungerne 50 grammi e farla eseguire un ciclo vuoto. Il bicarbonato di sodio svolge un’azione sgrassante, deodorante e previene eventuali cattivi odori. Si consiglia di effettuare questa pulizia una volta al mese e anche come prelavaggio nel caso in cui la lavastoviglie non sia stata utilizzata per un lungo periodo di tempo.

Pulizia lavastoviglie fai da te: alcuni consigli utili

Per pulire la lavastoviglie con più facilità e mantenerla sempre pulita e profumata è necessario evitare di inserire piatti e stoviglie con residui di cibo ancora attaccati. Prima di ogni carico, bisogna accertarsi di aver rimosso i residui più evidenti con un tovagliolo di carta o con una spugna: questo non solo garantirà risultati migliori, ma manterrà anche il filtro e i tubi liberi da depositi di sporco e faciliterà le operazioni di pulizia successive.

Un altro suggerimento utile è la pulizia costante del filtro. Sebbene possa sembrare un’operazione noiosa, è essenziale per il corretto funzionamento della lavastoviglie. Il filtro andrebbe accuratamente sciacquato sotto l’acqua per alcuni minuti e i fori devono essere liberi da impurità, in caso contrario si può utilizzare uno spazzolino da denti usato.

Effettuare un lavaggio a vuoto alla lavastoviglie almeno una volta al mese a temperatura elevata aiuta a ridurre la formazione di residui e aloni. Inoltre, per eliminare i cattivi odori, è necessario pulire le pareti della lavastoviglie, le tubature e gli scarichi.

Infine, se i singoli cestelli sono estraibili, vanno lavati occasionalmente sotto l’acqua corrente o lasciarli in ammollo con acqua tiepida e aceto per deodorarli e rimuovere eventuali incrostazioni di sporco.



Fonte Idealista.it

Unisciti alla discussione

Confronta Strutture

Confronta
error: Il contenuto è protetto !!