Gran Bretagna, il prezzo delle case registra una nuova caduta a luglio (-3,8%)

  • 7 mesi ago
  • 0
Immobiliare gettyimages 1500602246 Gran Bretagna, il prezzo delle case registra una nuova caduta a luglio (-3,8%)


I prezzi delle case nel Regno Unito hanno registrato il calo maggiore degli ultimi 14 anni, una flessione del 3,8% su base annua, secondo il rapporto mensile di Nationwide. L’aumento del costo dei mutui accresce la pressione sul mercato immobiliare britannico che lascia il prezzo medio delle case a 260.828 sterline, circa 303.885 euro. Il mercato residenziale britannico sta subendo pressioni poiché le banche aumentano i costi dei mutui in risposta agli aumenti dei tassi di interesse della Banca d’Inghilterra, che sono già al 5%.

A luglio, i prezzi delle case sono diminuiti dello 0,2% rispetto al mese precedente, secondo i dati Nationwide, e del 3,8% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, tenendosi sulla scia dello scorso giugno.

“L’attività immobiliare è diventata più contenuta negli ultimi mesi poiché l’accessibilità ai mutui per i potenziali acquirenti di case è diventata una ‘sfida'”, ha affermato Robert Gardner, capo economista di Nationwide.

L’istituto di credito stima che a giugno siano state effettuate 86.000 vendite, in calo del 15% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e di circa il 10% in meno rispetto ai livelli pre-pandemia. Per Imogen Pattison, economista di Capital Economics, “il calo dei prezzi delle case a luglio è stato il primo segnale che l’aumento dei tassi ipotecari da metà maggio si sta facendo sentire”.

Gli economisti e gli analisti hanno già previsto che i prezzi delle case e i volumi di vendita scenderanno ulteriormente nei prossimi mesi, poiché si aspettano che i tassi di interesse dei mutui rimangano intorno ai livelli attuali per il prossimo anno.

Tuttavia, gli esperti immobiliari speravano che si potesse ottenere un cosiddetto “atterraggio morbido”. John Ennis, amministratore delegato dell’agenzia immobiliare Chestertons, ha dichiarato: “Il mercato immobiliare londinese è rimasto stabile a luglio, nonostante abbia registrato per la prima volta un minor numero di acquirenti, grazie a un aumento delle vendite in contanti di immobili per un valore superiore a 1 milione di sterline (1,16 milioni euro).

Per Tom Bill, responsabile della ricerca residenziale presso l’agenzia immobiliare Knight Frank nel Regno Unito, “il mercato immobiliare non ha frenato. La domanda di alloggi dovrebbe essere più resiliente del previsto da qui alle elezioni generali del 2025″, indicando “l’effetto cuscino” della crescita salariale, i risparmi post-blocco, la contrattazione con le banche o la popolarità delle offerte a tasso fisso.



Fonte Idealista.it

Unisciti alla discussione

Confronta Strutture

Confronta
error: Il contenuto è protetto !!