Perché l’edilizia popolare di Vienna è un esempio da seguire da 100 anni

  • 2 settimane fa
  • 0
Immobiliare 1 4 Perché l’edilizia popolare di Vienna è un esempio da seguire da 100 anni


La politica di edilizia popolare della capitale austriaca è un autentico esempio da cui trarre ispirazione, soprattutto in un momento in cui i prezzi degli affitti aumentano a causa di una domanda che supera di gran lunga l’offerta. Il parco delle case poplari di Vienna è il più grande d’Europa e festeggia i suoi 100 anni e si distingue per un eccellente rapporto tra costi dei canoni e qualità, con l’obiettivo futuro di mantenere i prezzi stabili e per l’accesso agli alloggi di nuove famiglie.

Vienna è sinonimo di musica classica, arte, cultura e caffè. Ma è anche famosa per l’alta qualità della vita, che la colloca ai primi posti negli indici di vivibilità, anche se gli espatriati fanno un po’ fatica a sentirsi accettati e ‘a casa’.

Secondo il The Economist Intelligence Unit, la vivibilità di una città viene calcolata in base a diversi fattori come l’assistenza sanitaria, la cultura, l’ambiente, l’istruzione, le infrastrutture e la sicurezza. In questa classifica, Vienna è al primo posto in quasi tutte le categorie.

Ma mentre compete con Parigi, Copenaghen, Zurigo e le città canadesi per la qualità della vita, il tratto distintivo di Vienna è l’accessibilità degli alloggi e il modo in cui i prezzi degli affitti sono ragionevoli rispetto anche a Londra, New York e alla maggior parte delle capitali europee.

Il motivo è che la città di Vienna è il più grande proprietario di case in Europa. Circa il 60% della popolazione vive in alloggi sociali di alta qualità, comprese famiglie della classe media e giovani professionisti.

Secondo Rightmove, il prezzo medio di un affitto a Londra è di circa 2.340 sterline (2.640 euro) al mese, con un aumento del 16% su base annua. Nella capitale britannica, l’affitto rappresenta quasi il 40% dello stipendio lordo di un inquilino. Gli affitti a Manhattan superano i 5.200 dollari al mese (4.870 euro), il 19% in più.

A Vienna, l’ampia disponibilità di alloggi sovvenzionati ha moderato gli affitti nel settore privato. Il prezzo medio di un appartamento di 60 mq in città è di 767 euro/mese, secondo l’indice degli affitti Mietspiegel per il 2022, con affitti popolari che sono sensibilmente inferiori.

Un secolo di social housing

Per capire la politica abitativa di Vienna bisogna risalire alla fine della prima guerra mondiale (1918) e alla nascita dell’Austria. L’impero austro-ungarico degli Asburgo era crollato e Vienna passò dall’oggi al domani da una ricca città imperiale a una sovraffollata capitale di una piccola nazione.

Con un gran numero di sfollati, un quarto della sua popolazione era senza casa. “Vienna era una città morente”, afferma lo storico Wolfgang Maderthaner. “La città stava soffrendo finanziariamente, stava morendo, ma le persone morivano anche di malattie, inclusa la tubercolosi, che era tanto comune da essere ribattezzata la malattia di Vienna”.

Così, esattamente 100 anni fa, nel 1923, il Consiglio Comunale di Vienna prese la rivoluzionaria decisione di costruire 25.000 alloggi pubblici sovvenzionati per i poveri, finanziati da nuovi terreni, affitti e tasse sulla proprietà. “Tassarono lo champagne, i bordelli, i ristoranti raffinati, corse di cavalli, automobili”, spiega Maderthaner.

La nuova costituzione federale sotto la Prima Repubblica fece di Vienna una provincia autonoma, fattore vitale per il mantenimento del piano. Vienna è stata in grado di riscuotere le proprie tasse e, così facendo, la capitale è diventata una roccaforte socialdemocratica in un Paese conservatore. A parte i sette anni sotto il dominio nazista (1938-1945).

Risalenti agli anni ’20, gli standard di qualità del comune richiedevano che le case fossero ben isolate e ventilate e che gli inquilini avessero accesso a palestre e piscine, compresi i favolosi bagni pubblici Art Déco di Amalienbad.

Uno dei primi complessi residenziali ad essere costruito fu “Karl-Marx-Hof”, che è ancora in ottime condizioni. La città spende molti soldi per mantenere i suoi edifici pubblici. Il Museo Rosso di Vienna gestisce visite guidate di questa tenuta due volte a settimana.

“L’idea era di costruire alloggi economici, igienici e belli. Credevano che il diritto alla bellezza non dovesse appartenere solo ai ricchi”, afferma la storica Julia Schranz. A tal fine, la città ha assunto i migliori architetti dell’epoca e ha allestito molta arte pubblica.

A Vienna i percorsi turistici vengono effettuati anche passando per gli alloggi popolari. I turisti affollano l’Hundertwasserhaus, un bizzarro complesso di alloggi sociali multicolori ricoperto di mosaici e piante costruito negli anni ’80 dietro la cortina di ferro.

Nuove sfide per Vienna nel XXI secolo

Due svolte storiche hanno portato il cambiamento a Vienna dal grigio blocco comunista, monoculturale, deprimente e senza vita notturna con la caduta del muro di Berlino e l’adesione dell’Austria all’UE nel 1995.

Ricollegata ai Paesi del vecchio impero, Vienna prosperò e, con l’arrivo di immigrati dall’est e dai Balcani, la città riprese a costruire case. Ora è una delle città più grandi e in più rapida crescita dell’UE, con una popolazione giovane e diversificata. “La città di Vienna lavora duramente per evitare la formazione di ghetti e per costruire comunità miste”, sottolinea l’architetto e scrittore Maik Novotny.

Quasi tutti i nuovi sviluppi sono soggetti a un concorso di architettura, il che significa che ci sono una varietà di estetiche piuttosto che i blocchi di calcestruzzo grigi e brutalisti che deturpano così tante città europee.

Uno dei nuovi complessi di edilizia popolare di Vienna dispone di piscine sul tetto per i residenti. Secondo la legislazione approvata da questo millennio, il 50% di tutti i nuovi sviluppi deve avere spazi verdi.

Ma con la crescita della popolazione, gli affitti del settore privato sono aumentati in modo significativo nell’ultimo decennio. Con l’aumento dei prezzi dei terreni, si teme che la città non sarà in grado di costruire alloggi sociali sufficienti per soddisfare la domanda futura.

“Molte parti della città storica, che un tempo ospitavano gli immigrati, si stanno gentrificando. I promotori privati ​​stanno ristrutturando questi vecchi edifici e li rivendono ai loro proprietari”, afferma l’ex vicesindaco Maria Vassilakou, di origini greche. Crede che se il consiglio comunale di Vienna continuerà ad avere “una politica fondiaria attiva”, che in questo momento richiede sviluppi di oltre 150 unità per avere due terzi di alloggi sovvenzionati, si potrà mantenere l’equità sociale.

Le tipologie di alloggi popolari a Vienna

Esistono diversi tipi di alloggi sociali nella capitale austriaca. I ‘Gemeindebau‘ sono appartamenti comunali di proprietà della città e vengono assegnati tramite un sistema a punteggio. Le “cooperative” sono associazioni edilizie senza scopo di lucro in cui i residenti acquistano quote. Gli “appartamenti sovvenzionati” sono costruiti da società pubblico-private con denaro investito dalla città. La maggior parte è costruita in ex zone industriali.

Attualmente ci sono tre grandi sviluppi, due sul terreno della vecchia stazione ferroviaria nel centro e il terzo, Seestadt Aspern, è costruito su un aeroporto in disuso in periferia. Il partenariato pubblico-privato Seestadt Aspern Development Company costruirà una nuova città pedonale costruita attorno a un lago artificiale.

La costruzione della Seestadt (città sul lago) è iniziata diversi anni fa ed è ancora in corso. Prima è stata costruita una linea della metropolitana e più di 8.000 persone si sono già trasferite lì. La maggior parte dei residenti sono giovani famiglie attratte dagli affitti bassi e dalle numerose strutture per i bambini. L’energia proviene da una combinazione di fonti rinnovabili e geotermiche.



Fonte Idealista.it

Partecipa alla discussione

Compare listings

Confrontare
error: Il contenuto è protetto !!