Trend e prospettive per lo student housing in Italia

  • 2 mesi ago
  • 0
Immobiliare dl a01741852 Trend e prospettive per lo student housing in Italia


Il mercato dello student housing ha un grande potenziale in Italia, soprattutto a causa della mancanza di un’offerta adeguata e moderna e del continuo aumento del numero di studenti nazionali e internazionali. Lo sottolinea una recente ricerca di Jll, che evidenzia come nei primi 9 mesi dell’anno il settore dello student housing in Europa e UK ha registrato investimenti capital markets pari a 3,6 miliardi di euro.

Lo student housing in Italia

A fronte di un numero di studenti in forte crescita, secondo Jll, l’attuale offerta di posti letto per studenti in Italia è ancora insufficiente, raggiungendo circa le 65.500 unità, di cui circa la metà nelle principali città universitarie. La maggior parte dei post letto disponibili (61%) fa parte di strutture regionali nell’ambito del DSU (Diritto allo Studio Universitario), mentre circa il 20% è gestito da operatori privati, il 12% direttamente dalle università e il restante 7% è costituito da alloggi per studenti pubblici e privati legalmente riconosciuti. Questo significa un tasso di copertura (rapporto tra offerta esistente e domanda potenziale) che si attesta intorno al 4%. I servizi di alta qualità offerti negli alloggi per studenti e nei campus di nuova costruzione creano un premium sui livelli di affitto che sono in costante crescita.

L’offerta di alloggi per studenti in Italia

Per quanto riguarda l’offerta di alloggi per studenti nelle principali città italiane vedrà il completamento di oltre 23.600 posti letto entro il 2027. Milano (12.400) e Torino (3.300) aumenteranno la loro offerta più significativamente, seguite da Roma (2.300), Firenze (circa 2.300) e Pavia (507). Del totale in pipeline, il 32% è già in costruzione e più della metà è concentrata a Milano. Sommando la pipeline all’offerta ad oggi esistente, la disponibilità totale di alloggi per studenti nelle principali città, potrebbe ammontarequindi a oltre 60.000 posti letto entro il 2027, nell’ipotesi di un regolare completamento e di una gestione della pipeline che rispetti le tempistiche previste.

Prospettive di crescita del settore dello student housing

Dati i numeri di cui sopra, si evidenzia il fatto che il mercato dello student housing in Italia abbia ampi margini di sviluppo. “Se confrontato con altre realtà europee, il mercato dello student housing italiano si trova  ancora in una fase iniziale di sviluppo, presentando un livello di tasso di copertura del 3,8%, con Pavia a un estremo (8%) e all’altro Roma (2%) e Padova (3%)” commenta Antonio Fuoco, Head of Living Capital Markets di JLL Italia. ”L’Italia, ha un rapporto tra domanda potenziale e  disponibilità di posti letto per studenti tra i più bassi dell’area EMEA, se paragonato soprattutto a Paesi quali la Danimarca e il Regno Unito, prospettando significative opportunità di crescita degli investimenti”.



Fonte Idealista.it

Unisciti alla discussione

Confronta Strutture

Confronta
error: Il contenuto è protetto !!