Un condominio di appartamenti prefabbricati di Monaco a forma di alveare

  • 3 settimane ago
  • 0
Immobiliare clusterwohnen wabenhaus1 Un condominio di appartamenti prefabbricati di Monaco a forma di alveare


Uno dei motivi per cui a molti di noi piace viaggiare è perché amiamo visitare luoghi diversi, alla scoperta delle loro caratteristiche e peculiarità. E in questo l’architettura gioca un ruolo fondamentale. Ogni città è il frutto dell’evoluzione degli edifici che popolano le sue strade. Tuttavia, si tende sempre più ad una certa omogeneizzazione che elimina quelle differenze che stimolano così i sensi e l’immaginazione. 

A ciò si è ribellato lo studio tedesco Peter Haimerl Architektur in collaborazione con Rainer Hoffmann Balda Architects, con un buon esempio, il suo edificio noto come Clusterwohnen Wabenhaus. “Quando si cammina attraverso il nuovo quartiere urbano di Riem, a est di Monaco, si vede quello che si vede quasi ovunque nelle nuove aree di sviluppo della Germania: cubi bianchi con facciate standardizzate realizzate con isolamento termico completo in una griglia di verde e grigio. Un triste circuito urbano fatto di mancanza di immaginazione e noia”, spiegano sul loro sito.

Rompere gli schemi

Il Clusterwohnen Wabenhaus si distingue per il suo ingegnoso design degli appartamenti, che rompe con i modelli tradizionali. Ogni unità dispone di stanze incorniciate da esagoni, che generano una sensazione di spaziosità maggiore delle sue dimensioni reali. I soffitti inclinati e l’area utile consentono ai residenti di sfruttare al massimo lo spazio di stoccaggio lungo le pareti interne.

“L’edificio è costituito da tubi esagonali a nido d’ape impilati orizzontalmente, che sono assemblati in un gruppo a forma di grande alveare. Il principio della struttura esagonale, molto diffuso in natura, consente un annidamento di spazio intelligente e consente innumerevoli possibili combinazioni di unità e raggruppamenti spaziali. Le pareti scompaiono e diventano scale di collegamento tra gli spazi”, sottolineano gli architetti.

Il design della parete inclinata incorpora mobili salvaspazio come librerie, divani, letti sospesi, sedute, tavoli da pranzo e armadietti. Inoltre, gli appartamenti includono cucine a muro europee, ampi balconi esterni e bagni nascosti. L’esclusiva forma a nido d’ape non solo migliora l’orientamento spaziale, ma ottimizza anche la diffusione della luce naturale. L’asse spaziale principale è allineato longitudinalmente con la facciata, consentendo alla luce del giorno di fluire liberamente.

Comunità e privacy

Il Clusterwohnen Wabenhaus è progettato per creare un nuovo spazio di vita comunitario, con un centro che funge da cuore della convivenza. Questa ideologia fonde i confini tra i singoli appartamenti da una a quattro camere da letto, promuovendo un senso di armonia e comunità tra i residenti. Sebbene l’esperienza condivisa sia incoraggiata, è garantita anche la privacy di ciascuna unità. L’area di raccolta condivisa facilita un ambiente armonioso ed è ancorata da una scala che collega tutti gli appartamenti e le aree comuni.

Questo edificio non è solo un chiaro esempio di vita comunitaria, ma presenta anche numerosi vantaggi economici e sostenibili. Gli appartamenti riducono la necessità di pareti convenzionali e utilizzano invece piani inclinati , più economici ma senza compromettere la qualità della vita. I moduli prefabbricati rendono la costruzione più conveniente dal punto di vista economico, riducendo gli sprechi di costruzione e ottimizzando l’intero processo edilizio. Inoltre, comprende giardini verticali e cucine comunitarie, incoraggiando un atteggiamento di sostenibilità.



Fonte Idealista.it

Unisciti alla discussione

Confronta Strutture

Confronta
error: Il contenuto è protetto !!